In primo piano

La Goccia di questa settimana

Clicca o tocca l’immagine per sfogliare il fascicolo.

DOMENICA DELLE PALME 2022

SANTE MESSE

Sabato 9 aprile

Santa Messa prefestiva ore 18:30

 

Domenica 10 aprile

Sante Messe festive ore 8:30 – 10:00 – 11:30 – 18:30

 

* In tutte le Sante Messe verranno benedette le palme

** La consegna delle palme avverrà accanto alla chiesa entrando dal cancello sotto il campanile

RIACCENDIAMO
IL RISCALDAMENTO
A SAN ROMANO

È sotto gli occhi di tutti il notevole rincaro delle bollette di luce e gas. La nostra parrocchia ha già ricevuto le prime bollette raddoppiate (che sommate arrivano a quasi 7 mila euro per il solo mese di dicembre). Siamo dovuti correre ai ripari spegnendo i riscaldamenti in modo da non dover trovarci nell’impossibilità di pagarle. Abbiamo ancora davanti diverse settimane invernali e vorremmo non solo poter pagare i consumi già effettuati di dicembre e gennaio ma anche – se fosse possibile – riaccendere i riscaldamenti.

Perciò vi chiediamo – compatibilmente con le vostre possibilità – un supplemento di generosità. Abbiamo iniziato una prima raccolta all’uscita delle Sante Messe domenicali, che dai primi conteggi sembra andata molto bene, anche se ancora lontana dalla méta, e proseguiremo domenica prossima. Inoltre è sempre possibile fare delle donazioni tramite bonifico bancario sul nostro conto, intestato a “Parrocchia San Romano Martire“, codice IBAN IT28B0103003213000002368183, indicando come causale “riscaldamento chiesa”.

Vi ringraziamo infinitamente!

AGGIUNGI UN DONO A TAVOLA
– Quaresima 2022 –

Raccolta alimentare per i pacchi di Pasqua

(puoi lasciare il tuo dono nel cesto vicino all’altare)

  • Colombe
  • Uova di Pasqua
  • Pasta
  • Olio
  • Caffè
  • Biscotti
  • Zucchero

Puoi anche contribuire con un’offerta in denaro che convertiremo in BUONI SPESA per le famiglie bisognose del nostro quartiere.

Ancora una volta, grazie per la tua generosità!

EMERGENZA UCRAINA

Informazioni e indicazioni operative
per le comunità parrocchiali di Roma

Dopo le concitate fasi seguite all’inizio della guerra, dal 28 febbraio sono iniziati i diversi tavoli di coordinamento sia a livello istituzionale che in quello ecclesiale.

In una situazione così complessa, soggetta a possibili continui cambiamenti ed esposta a drammatiche conseguenze ad ogni livello, è importante che ogni comportamento delle comunità parrocchiali sia improntato alla corresponsabilità, al dialogo e alla collaborazione all’interno e all’esterno della comunità ecclesiale. Per questo inviamo alcune indicazioni per questa prima fase di emergenza.

Nella nostra Parrocchia San Romano Martire

  •  Abbiamo sospeso per il momento la raccolta di abiti e di altri beni materiali da inviare in Ucraina. Riceviamo invece le donazioni in denaro che stiamo inoltrando periodicamente alla Caritas di Roma.
  • Chiunque senta nel cuore la disponibilità ad accogliere i fratelli e sorelle ucraini che fuggono dalla guerra, è invitato a comunicarcelo per aiutarci a coordinare l’accoglienza. Lasceremo un apposito foglio nella segreteria parrocchiale, dove indicare anche la disponibilità (in particolare per chi conosce la lingua ucraina, russa o polacca), a fare da mediatore linguistico.

La colletta di solidarietà di tutta la Chiesa italiana

Su richiesta della Conferenza episcopale italiana, che ha stanziato per il momento 100.000 euro per sostenere i primi interventi di emergenza, è stata avviata una raccolta fondi a cui sono chiamate ad aderire tutte le Chiese locali attraverso le Caritas diocesane.

Per quanto riguarda Roma, è possibile contribuire con donazioni al conto corrente postale 001021945793 intestato a Fondazione “Caritas Roma” – ONLUS, causale “Sostegno Ucraina”; bonifico bancario Banco Posta IBAN: IT 50 F 07601 03200 001021945793.

Prepariamoci all’accoglienza delle persone in fuga

Allo stato attuale esistono due possibili modalità di accoglienza: quella che ci deriva dalla solidarietà tra Paesi dell’Unione Europea e che verrà gestita da Governo e Prefetture attraverso la rete SAI, e quella informale di persone che giungono da sole o con catene familiari.

Nel primo caso, la Caritas diocesana è già in contatto con la Prefettura di Roma e con il Comune per cercare di proporre un sistema di accoglienza diffusa, nell’ambito del percorso CAS (centri di accoglienza straordinaria) da proporre nelle parrocchie, negli istituti religiosi, nelle famiglie e in altri contesti con il coinvolgimento delle comunità locali. Un sistema simile a quello utilizzato dallo scorso mese di settembre per i cittadini afghani.

L’accoglienza in collaborazione con la Prefettura presenta sicuramente dei vantaggi dal punto di vista amministrativo e della regolarizzazione del soggiorno per le persone accolte, gli aspetti sanitari (quarantena e vaccinazione), la durata dell’accoglienza (puntiamo a siglare protocolli ed eventualmente, convenzioni).

Nel caso di accoglienza fatta in forma «privata» si raccomanda di coordinarsi ugualmente con la Prefettura, con la Asl e il Commissariato di Polizia.

 

Attivare una mappatura delle risorse in ogni prefettura

  • Fare una ricognizione di strutture e spazi disponibili per l’accoglienza;
  • Individuare famiglie disposte ad ospitare;
  • Creare un elenco di persone in grado di operare come volontari, mediatori linguistici e insegnanti di italiano nelle strutture di accoglienza (che possibilmente conoscano le lingue ucraina, russa o polacca).
  • Intensificare l’attività di animazione e di sensibilizzazione delle comunità parrocchiali, promuovendo incontri di preghiera, momenti di approfondimento.

Sconsigliamo per il momento le raccolte di alimenti, farmaci e vestiario.

Anche se in molte parrocchie si stanno realizzando raccolte di simili prodotti, oltre a ricordare che, soprattutto gli alimenti e i vestiti, possono essere acquistati a costi minori sul posto o in paesi limitrofi, si segnala che in contesti di guerra – soprattutto con combattimenti ancora in corso – risultano difficoltose e molto costose le operazioni di logistica, trasporto, stoccaggio e distribuzione dei beni.

Nel caso di medicinali, consigliamo di avviare raccolte solo su richieste specifiche e concordandole con la Caritas diocesana e nazionale.

PER SEGNALAZIONI E INFORMAZIONI:

Caritas diocesana

Tel. 06.88815130

Email: comunitaeterritorio@caritasroma.it

 

+ Benoni Ambarus
Vescovo ausiliare

Informazioni

Orario delle Celebrazioni:

Giorni Feriali: 08.30 – 18.30

Prefestiva: 18.30

Giorni Festivi: 08.30 – 10.00* – 11:30 – 18:30


*Trasmessa anche in diretta streaming con traduzione LIS sulla pagina Facebook

Contatti rapidi:

Largo Antonio Beltramelli, 23

0641732407

parrocchia@sanromano.org

Documenti

Ultimi Video

Accedi all’archivio dei video delle novità e delle attività della Comunità di San Romano.

Informazioni utili

Battesimo

Tutte le informazioni

Informazioni

Sacramenti

Tutte le informazioni

Informazioni

Catechismo per adulti

Tutte le informazioni

Informazioni

Corso prematrimoniale

Tutte le informazioni

Informazioni

Gruppi Parrocchiali

AGESCI Scout Roma 87

Servizio ai giovani

Ain Karim

Casa famiglia

ARVAD onlus

Servizio ai diversabili

Azione Cattolica

Servizio ai giovani

Caritas

Servizio ai poveri

Catechesi

Gruppo giovani adulti

Cristo Nuova Luce (RnS)

Gruppo di preghiera

Gruppo di preghiera San Pio

Gruppo di preghiera

Gruppo Effatà

Gruppo giovani adulti

Legio Mariae

Solidarietà e preghiera

Movimento Apostolico

Preghiera e approfondimento

Sant’Egidio

Servizio ai poveri

Vincenziani

Solidarietà

Ci sta a cuore la tua Privacy. Se prosegui la navigazione, assumeremo che hai accettato la nostra Privacy policy.